NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

lunedì 17 dicembre 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e ciao a tutte,
anche quest'anno ci troveremo prima delle feste per scambiarci gli auguri, mangiare pandoro e fare cin cin... L'appuntamento è per martedì 18 dicembre alle ore 21.00 presso SPAZIO 4, in Via Manzoni 21 a Piacenza...
Siete tutti i benvenuti.

venerdì 7 dicembre 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e a tutte: questa volta abbiamo voluto superarci e in vista delle feste natalizie abbiamo voluto organizzare un incontro dedicato alla religione, ma non nel senso occidentale del termine. Infatti si tratterà di una serata per capire meglio i riti e le tradizioni sessuali, la percezione dell’omosessualità e la distinzione fra i generi, in culture diverse dalla nostra: dall’Africa al Medio Oriente, al Giappone e oltre... Per scoprire, attraverso filmati rari e documentari cult, che il concetto di tabù è decisamente più relativo di quanto non appare. Il tutto martedì 11 dicembre alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 (in Via Manzoni 21 a Piacenza).
Non mancate.

Avvisiamo che, vista la natura della serata e il contenuto di alcuni documentari, la partecipazione è sconsigliata alle persone troppo sensibili riguardo a certi argomenti.

giovedì 22 novembre 2012

APPUNTAMENTO

Salve a tutti e a tutte.
A seguito di alcuni fatti di cronaca abbiamo deciso di modificare l'ordine dei prossimi incontri, quindi il nostro prossimo appuntamento si intitolerà PUNTI DI VISTA e sarà una serata di approfondimento per capire come si è evoluta la percezione della realtà gay e lesbica in Italia e non solo.  Dai servizi omofobi presentati  “mondo movie”, passando per le prime testimonianze “reali” dei gay americani degli anni ‘70 e ‘80, fino ad arrivare agli adolescenti  omosessuali che raccontano la loro esperienza personale nell’Italia degli anni ‘90, con lo storico documentario NESSUNO UGUALE (1998). Le cose sono davvero cambiate da allora ad oggi? Parliamone assieme...
L’appuntamento è Martedì 27 Novembre alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 in via Manzoni 21 a Piacenza.

domenica 11 novembre 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e ciao a tutte.
Martedì 13 Novembre, alle ore 21.00, presso SPAZIO 4 (Via Manzoni 21 a Piacenza), si terrà il nostro incontro conclusivo dedicato alla storia della musica che si balla, e questa volta ci occuperamo del periodo che va dalla dance anni '90 e dall'R&B all'electrohouse dei nostri giorni, e proveremo anche a dare un'occhiata a quello che potrebbe essere il prossimo futuro, a partire dalle nuove tendenze che arrivano dall'estremo oriente... Perchè capire che musica si balla è importante per capire meglio la società in cui viviamo, anche dal punto di vista della comunità LGBT!
Non mancate!

mercoledì 31 ottobre 2012

SEGNALAZIONE

Ciao a  tutti e a tutte.
I nostri amici della L.I.L.A. (Lega Italiana Lotta AIDS) ci segnalano che dal 28 ottobre al 3 novembre organizzano una raccolta fondi specifica per il loro PROGETTO DONNA. Per partecipare vi basta mandare un sms al  numero 45508. Inviandolo donerete 2 euro per questa importante iniziativa!
Se non sapete come investire 2 euro questa può essere un'ottima idea!

giovedì 25 ottobre 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e ciao a tutte.
Martedì 30 ottobre, alle ore 21.00, presso SPAZIO 4 (Via Manzoni 21 a Piacenza), di terrà il nostro incontro di approfondimento dedicato alla storia della musica che si balla, e questa volta ci occuperamo del periodo che va dalla SPACE DISCO degli anni '70 all'EURODANCE degli anni '90... Per capire un po' meglio come le discoteche sono un po' il riflesso della società che le circonda e che le dinamiche della musica da ballare sono collegate all'evoluzione dei costumi e della cultura di ogni epoca, anche dal punto di vista della comunità gay.
Non mancate!

giovedì 11 ottobre 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e a tutte.
Finalmente tornano gli incontri di approfondimento organizzati dalla nostra associazione.
Quest'anno vogliamo ripartire affrontando un argomento che viene dato un po' per scontato, ma che in effetti dovrebbe essere conosciuto meglio: la storia delle discoteche, della musica da ballare e del ruolo sociale del ballo. Perchè la musica da ballare si è trasformata in un rito collettivo? A cosa serve? Come si è evoluta nei decenni e come ha coinvolto la comunità LGBT? Per rispondere a questi e ad altri interrogativi abbiamo organizzato una serie di appuntamenti in cui ripercorreremo oltre un secolo di storia della musica e del costume, partendo dalle origini dei balli moderni e arrivando all'electro-house di ultima generazione, e oltre, attraverso filmati d'epoca, videoclip storici e varie rarità. Il primo appuntamento sarà dedicato al periodo che va dai minuetti settecenteschi alla disco music degli anni '70.
L'appuntamento è per martedì 16 ottobre alle ore 21.00 presso SPAZIO 4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.

lunedì 1 ottobre 2012

RASSEGNA STAMPA

Ciao a tutti e a tutte.
Vorremmo ringraziare il numeroso pubblico che, nonostante il giorno e l'orario, domenica mattina si è presentato puntuale alle 10.00 per seguire il nostro incontro al Festival del Diritto, e ringraziamo anche tutti coloro che si sono presentati al bis che abbiamo organizzato nel pomeriggio in libreria al centro commerciale Gotico. Ovviamente ringraziamo particolarmente chi si è presentato ad entrambi gli incontri. Qui di seguito trovate lo spazio che il quotidiano LIBERTÀ ha voluto dedicare al nostro incontro mattutino (potete ingrandirlo aprendolo in una nuova finestra cliccando col tasto destro del mouse).
A presto.



sabato 29 settembre 2012

PROMEMORIA

Ciao a tutti e a tutte.
Vi ricordiamo che il 4 ottobre alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 (in Via Manzoni 21 a Piacenza) ci sarà il congresso provinciale in cui dovremo eleggere i nostri due delegati per il congresso nazionale di arcigay che si terrà a fine novembre e che eleggerà la nuova dirigenza e il nuovo consiglio nazionale. Se non sapete di cosa stiamo parlando vi invitiamo all'incontro di approfondimento che terremo martedì 2 ottobre alle ore 21.00, sempre a SPAZIO 4.

Vi ricordiamo che attualmente le mozioni (cioè le proposte da votare) che concorrono alla dirigenza nazionale di arcigay sono due:

* Uguaglianza e Libertà – Una comunità per i Diritti cambia il futuro


Flavio Romani, candidato presidente nazionale


Michele Breveglieri, candidato segretario nazionale

Documenti: Il testo della mozione|Lettera di presentazione|Presentazione della candidatura di Flavio Romani|Presentazione della candidatura di Michele Breveglieri

Sito: www.uguaglianzaeliberta.it

* Liberiamo l’eguaglianza

 Paolo Patanè (presidente uscente), candidato presidente nazionale






Paolo Ferigo, candidato segretario nazionale
 Documenti: Il testo della mozione|Lettera di presentazione delle candidature a presidente e segretario nazionale|Presentazione candidatura di Paolo Patanè|Presentazione candidatura di Paolo Ferigo

Sito: liberiamoleguaglianza.wordpress.com/

Potete leggere il testo integrale delle mozioni nei rispettivi siti.
Per votare dovete essere iscritti ad arcigay e portare la vostra tessera arcigay attiva.

mercoledì 26 settembre 2012

APPUNTAMENTI

Ciao a tutti e ciao a tutte.
Come ormai da tradizione la ripresa ufficiale delle nostre attività coincide con il Festival del Diritto, che da cinque anni è diventato uno degli eventi più importanti per la città di Piacenza.
 Anche quest'anno siamo riusciti ad inserire una nostra iniziativa all'interno di questa importante rassegna, che parla di diritti e che quindi - per noi  - rappresenta sempre una buona occasione per approfondire gli argomenti che ci sono particolarmente cari. Il filo conduttore del Festival del Diritto di quest'anno si riassume nel titolo "SOLIDARIETÀ E CONFLITTI" e abbiamo pensato di preparare un incontro che si riallaccia a questo tema, parlando della quantomai attuale questione dei matrimoni gay:

30 Settembre, ore 10.00
MATRIMONIO OMOSESSUALE: CONFLITTO SOCIALE O NUOVA FRONTIERA DELLA SOLIDARIETÀ?
Auditorium Santa Maria della Pace (Via Scalabrini 19)

intervengono
DOMENICO ALFARONE, VALERIANO SCASSA, MATTEO WINKLER

Secondo la Corte di Cassazione, in Italia c’è un vuoto legislativo in merito alle unioni omosessuali. L.’A.T.OMO. propone un incontro per approfondire il tema, alla luce delle ultime sentenze al riguardo, delle sollecitazioni europee e dello spinoso problema del riconoscimento delle unioni omosessuali contratte all’estero da cittadini italiani.
Come potete vedere il nostro incontro, quest'anno, cade nella prima mattinata di domenica, e ci sembrava crudele non offrire la possibilità di confrontarsi con questi argomenti a chi non fosse riuscito ad essere presente la domenica mattina, così - quest'anno - ci siamo fatti in due. Infatti abbiamo deciso di organizzare qualcosa anche per il pomeriggio di domenica, anche se non rientra nel programma del Festival del Diritto vero e proprio. Infatti alle ore 16.00 Matteo Winkler (l'avvocato che parteciperà all'incontro del mattino) presenterà il suo libro L'ABOMINEVOLE DIRITTO presso la libreria IPERCOOP del Centro Commerciale Gotico (Via Emilia Parmense 149, appena fuori Piacenza), assieme al suo co-autore Gabriele Strazio. La presentazione del libro sarà una buona occasione per parlare dei diritti delle persone omosessuali nel loro insieme e oltre che di matrimonio si parlerà di omofobia, adozioni, lavoro e quant'altro.
Qui di seguito potete vedere la locandina.
L'appuntamento, quindi, è anche alle 16.00 del 30 settembre presso il Centro Commerciale Gotico.
Ovviamente sia all'incontro del mattino che a quello del pomeriggio sarete liberi di rivolgere le vostre domande ai presenti.
Come vedete ci siamo ancora e continuiamo ad offrirvi delle proposte di discussione interessanti.
Venite numerosi!

giovedì 13 settembre 2012

ELEZIONE DELEGATI

Ciao a tutti e a tutte.
Dopo una lunga pausa estiva la nostra associazione riprende le sue attività.
Prima di tutto, però, vi ricordiamo che il 4 ottobre tutti quelli che hanno una tessera Arcigay valida avranno la possibilità di partecipare all'elezione dei delegati per il Congresso Nazionale Arcigay, che si terrà a Ferrara il 23, 24 e 25 novembre e che determinerà la nuova dirigenza nazionale della nostra associazione, in un periodo particolarmente delicato per la stessa.


Arcigay L'A.T.OMO. di Piacenza comunica la data del proprio CONGRESSO PROVINCIALE che si terrà giovedì 4 ottobre presso il centro aggregativo SPAZIO4 (in Via Manzoni 21 a Piacenza).



ORARI:


PRIMA CONVOCAZIONE ore 21,00
                                     SECONDA CONVOCAZIONE ore 22,00.



ORDINE DEL GIORNO
  1. Elezione Presidente del Congresso Provinciale
  2. Presentazione e votazione mozioni
  3. Votazione candidati a DELEGATI per il Congresso Nazionale ARCIGAY
  4. Votazione candidati a CONSIGLIERI per il Consiglio Nazionale ARCIGAY

Sappiamo che per molti di voi Arcigay Nazionale è una realtà abbastanza nebulosa, che rimane una presenza molto marginale nella vita della nostra associazione piacentina, ma  vi esortiamo a partecipare numerosi. Siccome ci rendiamo conto che - effettivamente - qualcuno di voi potrebbe arrivare un po' impreparato, ci incontreremo - in via del tutto eccezionale - a SPAZIO 4 anche il giorno 2 ottobre alle ore 21.00, per spiegare un po' meglio come è strutturata Arcigay (Consiglio Nazionale, Segreteria, ecc), anche a quanti non sono molto addentro a queste cose e vogliono saperne di più prima di votare.
A presto.



martedì 19 giugno 2012

RASSEGNA STAMPA

Ciao a tutti e a tutte.
Le scuole sono finite, ma quest'anno c'è stato un istituto scolastico della nostra provincia che si è ricordato di noi e che ha pensato di coinvolgerci nelle sue attività, con una doppia intervista sul proprio giornalino scolastico. Ci riferiamo all'ITAS G. Raineri, che ci ha dedicato due pagine e mezzo su VITE (che in parte sono state anche riprese dal quotidiano LIBERTÁ, nel suo inserto annuale dedicato ai giornalini scolastici). Certo sarebbe stato meglio se anche altri istituti si fossero fatti avanti per proporre qualcosa, visto che quest'anno c'è stata anche una circolare ministeriale che suggeriva di tenere in debita considerazione il tema dell'omofobia, ma evidentemente prendere contatto con l'unica associazione LGBT di questa città è ancora considerato troppo audace. Prendiamo atto e speriamo fiduciosi che le cose possano presto cambiare. Nel frattempo ringraziamo l'ITAS G. Raineri e qui di seguito pubblichiamo l'intervista che ha fatto al presidente de L.'A.T.OMO e alla rappresentante dell'AGEDO di Piacenza.


Per vederle meglio potete ingrandirle con il tasto destro del mouse selezionando "apri in un'altra scheda".
Alla prossima.

giovedì 7 giugno 2012

Gay Pride Nazionale

Ciao a tutti e a tutte,
come dovreste sapere giugno è il mese del Gay Pride (la fierezza gay), da quando nel giugno del 1969 alcuni gay americani si ribellarono ai soprusi delle forze dell'ordine nel locale Stonewall Inn di New York. Dal 1970 in poi, prima negli USA e poi nel resto del mondo, questa ricorrenza viene celebrata con un corteo che - sul modello delle parate etniche di New York - manifesta "l'orgoglio etnico" della comunità LGBT, anche attraverso i suoi aspetti più appariscenti e colorati, e questo spiega la presenza di "carri" più o meno tematici e musica "gay" a tutto volume. Quest'anno, però, il Gay Pride nazionale italiano si terrà a Bologna e poichè l'Emilia Romagna è stata sconvolta dai terremoti si è pensato di realizzare un Gay Pride diverso dal solito: niente carri e niente musica a tutto volume, per dimostrare la vicinanza alle vittime del sisma. La partenza del corteo è prevista per le 15.30 in Porta Saragozza a Bologna e qui di seguito potete vedere il tragitto.


Visualizzazione ingrandita della mappa
Se volete venire con noi vi informiamo che il nostro ritrovo è alla stazione di Piacenza alle ore 10.00 del 9 giugno, e in base alle persone e/o agli eventuali imprevisti decideremo se prendere il regionale delle 10.15 o quello delle 10.52. Arrivati a Bologna pranzeremo al sacco e poi ci dirigeremo verso il corteo. Per il rientro l'ultimo treno regionale da Bologna è alle ore 21.20. Se volete venire con noi vi preghiamo di contattarci alla nostra e-mail o ai numeri che vedete in alto a sinistra. Buon Pride.

martedì 29 maggio 2012

QUARTO APPUNTAMENTO CINEFORUM 2012

Ciao a tutti e a tutte,
infine siamo arrivati amche all'ultimo appuntamento di quest'anno con il cineforum organizzato in collaborazione con SPAZIO 4. L'ultimo film che vi presentiamo è anche l'unico film a tematica LGBT mai girato nella nostra città, infatti parliamo di BELLE AL BAR (1996), che è anche uno dei pochi film italiani che trattano in maniera positiva il tema della transessualità.
L'appuntamento è per giovedì 31 maggio alle ore 21.00 presso SPAZIO 4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.
Non mancate!

martedì 22 maggio 2012

CAMBIAMENTI



Ciao a tutti e ciao a tutte,
passeggiando per la città di Piacenza all'indomani della Giornata Mondiale contro l'Omofobia ci siamo accorti di qualcosa che ci ha a dir poco sorpreso. Infatti, una volta tanto, ci sono stati dei writers che in vari punti del centro hanno voluto lanciare messaggi come quelli che abbiamo fotografato e vi facciamo vedere qui sotto...





 Ci teniamo a precisare che noi non c'entriamo assolutamente nulla (anche perchè non abbiamo mai fatto cose del genere e non abbiamo alcun motivo per iniziare a farle proprio adesso) e che - ovviamente - non pensiamo che chiunque abbia il diritto di scrivere quello che vuole dove vuole, anche perchè l'imbrattamento è un reato, tuttavia se dicessimo che il contenuto di queste scritte ci dispiace mentiremmo spudoratamente. Soprattutto se si considera che abitiamo in una città fondamentalmente sonnolenta, dove anche i giovani tendono a farsi i fatti propri. Non sappiamo chi ha fatto tutto questo, non sappiamo nemmeno se è stata una sola persona o un gruppo, però se qualcuno ha pensato di aggirarsi nel cuore della notte per la città con l'idea di scrivere queste cose invece delle solite scritte omofobe e anti gay siamo portati a pensare che, forse, qualcosa sta iniziando a cambiare, persino a Piacenza.
Alla prossima.

lunedì 21 maggio 2012

TERZO APPUNTAMENTO CINEFORUM 2012

Ciao a tutti e ciao a tutte,
prosegue come da tradizione il nostro cineforum a SPAZIO4, che quest'anno è dedicato ai film del passato che trattano tematiche LGBT partendo dai pregiudizi per offrire spunti di riflessione inediti. Questa volta è il turno di COME MI VUOI di Carmine Amoroso, un film del 1996 che - forse per la prima volta in Italia - racconta una storia d'amore a sfondo transgender a lieto fine.
L'appuntamento è per giovedì 24 maggio alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 in Via Manzoni 21 a Piacenza.

martedì 15 maggio 2012

RISPOSTE DEI CANDIDATI IN BALLOTTAGGIO ALLE AMMINISTRATIVE DI PIACENZA

In occasione del ballottaggio per le elezioni amministrative della città di Piacenza abbiamo pensato che poteva  essere utile sapere come si pongono i due candidati nei confronti della Mozione contro l'Omofobia che è stata approvata in Consiglio Comunale ormai un anno fa (e che purtroppo ad oggi non ha avuto alcuna applicazione concreta). Se non sapete di cosa stiamo parlando CLICCATE QUI. Premesso che non ci sembra molto sensato approvare una Mozione per poi disattenderla per un anno, cogliamo l'occasione per ricordarvi che la risposta alla nostra domanda da parte del candidato Sindaco Paolo Dosi (che ci aveva risposto in occasione delle primarie del PD) è stata:

Con riferimento alla vostra lettera aperta vi confermo la mia disponibilità a sottoscrivere la mozione di cui all'oggetto.
Paolo Dosi

Per quel che riguarda il candidato Sindaco Andrea Paparo, invece, abbiamo ricevuto una risposta più articolata:

Buongiorno,
credo che sia compito di ogni amministratore quello di lavorare per la coesione sociale, la tolleranza e il contrasto alle discriminazioni. In quest’ottica, la vostra associazione troverà sempre un punto di riferimento certo nel Comune, che, in base alle mie intenzioni, potrà aderire alla giornata europea contro l’omofobia e sostenere la vostra proposta per l’istituzione della giornata nazionale. Credo invece che non sia necessario sostenere la necessità di una norma che consideri un’aggravante l’omofobia nei casi di violenza: penso infatti che la violenza sia sempre e comunque ingiustificabile e che per questo ogni gesto di questo tipo vada punito con la medesima intransigenza. Penso che introdurre un’aggravante di questo tipo andrebbe nel senso di riconoscere una diversità di trattamento che, se non sbaglio, è una delle cose contro cui lotta la vostra associazione.
Vi ringrazio per avermi interpellato e per la vostra attenzione.
Andrea Paparo
 La risposta di Paolo Dosi è estremamente sintetica, e ammettiamo che ci risulta abbastanza sibillina, pertanto non ci sembra di avere abbastanza elementi per inquadrarla e commentarla. Ci riserveremo di farlo se verrà eletto e avremo modo di verificare in concreto il suo punto di vista. Per quel che riguarda la garbata risposta di Andrea Paparo, invece, ci sentiamo in dovere di chiarire alcune cose relative al nostro punto di vista su di un'ipotetica aggravante per i reati di omofobia. Infatti, per quanto incredibile possa sembrare, siamo d'accordo con lui: nel senso che anche noi pensiamo che la violenza - fisica o psicologica - debba essere condannata con la stessa fermezza a prescindere dalle sue radici. Il punto però è un'altro: ci sono categorie di persone più vulnerabili ed esposte di altre, proprio perchè non vengono aggredite in quanto persone, ma in quanto categoria, e una legge supplementare per difenderle - come avviene in praticamente tutte le nazioni civili del mondo occidentale - può servire da deterrente per chi le prende di mira. Per fare un esempio concreto e paradossale: immaginiamo un mondo in cui, una bella mattina, in tutta Italia si iniziassero a leggere scritte come "Paparo al rogo" e altri insulti indirizzati a chi si chiama Paparo. Immaginiamo un mondo in cui chi si chiama Paparo può essere aggredito a coltellate per strada solo perchè si chiama Paparo o perchè gira mano nella mano con un'altra persona che si chiama Paparo. Immaginiamo un mondo in cui, se in una discoteca si scopre che c'è un Paparo viene preso a calci e a pugni dai buttafuori che non vogliono Paparo nelle loro discoteche. Poniamo che ci siano dei datori di lavoro che si rifiutano di assumere una persona solo perchè si chiama Paparo, o magari perchè ha degli amici che si chiamano Paparo. Poniamo che ci siano politici che fomentano l'odio verso chi si chiama Paparo, perchè li presentano come l'origine di tutti i problemi possibili e come un male della società, e che anzi vanno fieri del fatto che nel nostro paese le coppie composte da due persone che si chiamano Paparo non sono riconosciute in quanto tali. Un mondo in cui per i ragazzini (e non solo) la parola Paparo viene usata come insulto e chi viene anche solo sospettato di essere un membro della famiglia Paparo può essere vittima di pesanti atti di bullismo, un mondo dove chi si chiama Paparo arriva al punto di inventarsi un nome falso per tutta la vita nel tentativo di tutelare la propria incolumità. In un mondo del genere una legge supplementare per tutelare chi ha la sola colpa di chiamarsi Paparo avrebbe senso oppure significherebbe una disparità di trattamento?
Alla prossima.

venerdì 11 maggio 2012

GIORNATA CONTRO L'OMOFOBIA

Ciao a tutti e ciao a tutte,
in occasione della Giornata Internazione contro l'omofobia siamo felici di invitarvi a condividere con noi la visione del toccante film PRAYERS FOR BOBBY, con una bravissima Sigourney Weaver nel ruolo di
Mary Griffith, una madre molto religiosa che non accettando l'omosessualità del figlio lo porta a compiere un gesto estremo, che porterà profondi cambiamenti nella sua vita.
 Il film è tratto da una storia vera (Bobby si è suicidato nel 1979), e tocca il delicato argomento dell'omofobia vissuta in famiglia, che purtroppo viene ampiamente sottovalutato e passa spesso inosservato, nonostante il suo grande peso nella vita di tantissimi omosessuali più o meno giovani. In Italia, in particolare, stupisce che nonostante l'importantissimo ruolo che riveste la famiglia, se ne parli ancora tanto poco. La storia di Bobby può quindi offrire spunti di riflessione particolarmente interessanti e sicuramente guardare questo film è un modo per farne tesoro...
In questa occasione il film e il cineforum saranno introdotti da Rita Mura, referente per l'AGEDO (Associazione GEnitori a emici Di Omosessuali) di Piacenza.
Il film verrà proiettato in inglese con i sottotitoli in italiano.
L'appuntamento è per giovedì 17 maggio alle ore 21.00 presso SPAZIO 4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.

martedì 8 maggio 2012

SECONDO APPUNTAMENTO CINEFORUM 2012

Ciao a tutti e ciao a tutte,
il secondo appuntamento con il nostro tradizionale cineforum a SPAZIO 4 è dedicato al cult Priscilla - La Regina del Deserto, il bel film australiano del 1994 diretto da Stephan Elliot.
Vi ricordiamo che il cineforum di quest'anno si intitola ORGOGLIO E PREGIUDIZIO, e presenterà dei film cult che - puntando sugli stereotipi - sono comunque  riusciti a portare all'attenzione del grande pubblico il mondo LGBT per la prima volta, offrendo dei punti di vista nuovi e puntando al superamento del pregiudizio. Come per tutti gli altri film dei nostri cineforum presenteremo il film inquadrando i suoi temi in un contesto più ampio, e questa volta parleremo della storia delle drag queen con filmati d'archivio e tante sorprese.
L'appuntamento è per giovedì 10 maggio alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 in Via Manzoni 21 a Piacenza.

martedì 1 maggio 2012

APPUNTAMENTO CINEFORUM 2012

Ciao a tutti e ciao a tutte, anche quest'anno parte il nostro tradizionale CINEFORUM in collaborazione con SPAZIO 4, e come ogni anno i film che presenteremo avranno un filo conduttore. Quest'anno il nostro ciclo di film si intitola "ORGOGLIO E PREGIUDIZI", perchè presenteremo una serie di film che hanno fatto la storia della cinematografia LGBT, pur partendo da un soggetto che puntava molto sugli stereotipi e - in un certo senso - confermava alcuni pregiudizi.
Si parte con quello che si può definire il capostipite del genere, ovvero IL VIZIETTO (1978)di Edouard Molinaro.
 L'appuntamento è per giovedì 3 maggio alle ore 21.00 presso SPAZIO 4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.

domenica 29 aprile 2012

ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI PIACENZA

Ciao a tutti e a tutte, come saprete anche a Piacenza stanno arrivando le elezioni amministrative.
Generalmente in questi casi ci si aspetta che un circolo Arcigay debba essere in prima fila per sostenere questo o quel candidato, magari piazzando un proprio rappresentante in qualche lista. In questo senso la nostra associazione è un po' anomala: un po' perchè scarseggiamo di persone che vogliono fare carriera in politica, un po' perchè abbiamo notato che nel nostro territorio è molto difficile interagire con la classe politica e un po' perchè pensiamo che per "fare politica" in modo sano - soprattutto in questo periodo - dobbiamo mantenerci davvero distinti e distanti dai partiti. Anche perchè in questo modo possiamo evitare di scendere a compromessi che nel lungo periodo possono rivelarsi imbarazzanti e controproducenti. Detto questo pensiamo che sia comunque nostro dovere segnalare chi ha deciso di contattarci di sua spontanea volontà per dichiarare la sua vicinanza alle nostre problematiche. Quindi ora non parleramo di chi ci ha proposto di fare entrare qualcuno di noi nella sua lista, ma di chi ci ha contattato per farci delle proposte concrete e di chi ha già dimostrato coi fatti di essere vicino alla comunità LGBT di Piacenza.
Partiamo dalla candidata consigliera Giulia Piroli, già consigliera nell'amministrazione uscente.
 L'abbiamo conosciuta in occasione di una manifestazione di sensibilizzazione che avevamo organizzato davanti alla prefettura tre anni fa, e da allora è diventata il personaggio politico di Piacenza più presente alle nostre iniziative e alle nostre serate di approfondimento. Il suo supporto alla causa dei diritti civili e contro l'omofobia si è concretizzato con la proposta di una mozione contro l'omofobia, che è passata al secondo tentativo il 16 maggio 2011. Inoltre è riuscita a fare inserire nel nuovo regolamento della polizia municipale delle specifiche che riguardano la parità di trattamento per i cittadini LGBT. Oltretutto è l'unica candidata che nel suo sito nomina chiaramente la lotta all'omofobia nel suo programma. Se non ci credete CLICCATE QUI.
 Segnaliamo anche che siamo stati contattati da Manuel Rossi, altro candidato consigliere nella stessa lista, che ci ha garantito il suo supporto quando e se dovesse essere eletto. Ovviamente, non avendo mai ricoperto una carica pubblica nell'aministrazione di questa città non possiamo ancora fornirvi riscontri oggettivi, ma non abbiamo nemmeno motivi per dubitare della sua buona fede, anche perchè molti anni prima di lanciarsi in politica aveva partecipato alla nostra fiaccolata contro l'omofobia, nel 2009.
 Sappiamo che segnalare due candidati nella stessa lista può sembrare una scelta un po' insolita e forse controproducente, ma ci sembrava corretto premiare da una parte la costanza e la determinazione e dall'altra la buona volontà e il coraggio di esporsi da subito per i diritti gay. Se appartenete alla comunità LGBT di questa città, pensate di votare e credete che sia il caso di votare considerando gli spazi per eventuali interventi a favore di problematiche specifiche per i cittadini omosessuali e transessuali forse dovreste considerare un voto di preferenza che vada oltre alle simpatie individuali, e quindi speriamo di avervi offerto qualche idea in più. Detto ciò vi informiamo che abbiamo contattato tutti i candidati sindaci di Piacenza per chiedergli un parere riguardo all'eventuale futura applicazione della famosa mozione contro l'omofobia, ma non ci ha ancora risposto nessuno (fatto solvo il caso di Paolo Dosi, che però rispose in occasione delle primarie).
Restiamo in attesa.

RASSEGNA STAMPA

La nostra mamma AGEDO Rita Mura è stata intervistata dal giornalista Giovanni Molaschi di Repubblica, per un articolo del magazine "D", in cui parla del rapporto fra genitori e figli omosessuali. Potete leggerlo qui di seguito.
Brava Rita!

"Dieci anni valgono una vita? Gli avvocati di Tyler Clementi hanno chiesto che Dharun Ravi rimanga in carcere fino al 2022. Dharun svelò con un video che Tyler, compagno di college, era gay. Il ragazzo, che aveva sempre tenuta nascosta la sua omosessualità per paura, non è riuscito a sopportare l’impatto che il video aveva avuto sui suoi compagni e il 22 settembre 2010 si è buttato dal George Washington Bridge. L’omertà che ha contraddistinto la breve vita del diciottenne è la stessa che scandisce l’esistenza di molte persone omosessuali, zittite dallo sguardo altrui.

Robert, l’ex fidanzato di Francesco, è morto da eterosessuale. I familiari non sapevano della vita che l’uomo conduceva lontano da loro. “Il giorno del suo funerale" racconta Francesco, "la madre ha riflettuto sul silenzio di Robert. Mi ha ripetuto più volte che lui le aveva negato la conoscenza di una persona che avrebbe voluto amare”. Rita, la madre di Francesco invece sa dell’omosessualità del figlio da trent'anni. “A mamma ho detto di essere gay dopo essermi accettato. Il coming out con lei ha preceduto la prima storia d’amore importante”. Rita è presidente di Agedo (Associazione Genitori di Omosessuali), e non si era accorta dell’omosessualità del figlio. “I genitori pensano sempre di sapere tutto dei figli. Ma in realtà vediamo di loro solo quello che ci fa più comodo. Mi ritenevo una persona aperta eppure con Francesco ho capito che il rapporto puoi avere con un amico gay non è paragonabile a quello che vivi con tuo figlio”. Anche Ettore ha dovuto rimettersi in discussione dopo aver scoperto l’omosessualità di Margherita, sua figlia. “Io e mia moglie siamo insegnanti. Eravamo preparati su gay e lesbiche eppure davanti il coming out di Margherita abbiamo iniziato a ragionare sugli errori commessi. Come genitori non avevamo mai pensato all’orientamento sessuale di nostra figlia. Quando ci ha detto di essere lesbica si è aperto uno scenario”. Un panorama promettente che Margherita ha potuto vedere dopo aver superato le chiusure dei genitori. “Con mio padre, sottolinea la donna, non c’è stato dialogo per tre anni dopo la scoperta della mio orientamento sessuale. Ci siamo rincontrati di notte, davanti un film gay-friendly visto insieme. La condivisione per noi è stata molto importante. A quel punto ci ritrovavamo ai pasti a tavola anche con la mia fidanzata”. L’amore per un'altra donna ha illuminato anche Claudia. La ragazza ha raccontato alla madre della sua omosessualità dopo esser stata sorpresa al telefono con la fidanzata. “All’inizio ho negato. Ero convinta che mamma reagisse male. Io stessa, prima di accertarmi, sono stata omofobica. L’attrazione verso le altre donne era qualcosa di sporco, da nascondere”. “Il confronto con mia figlia, sottolinea Mirella, la madre di Claudia, è servito per capire tutti i disagi irrisolti che avevo visto in lei. Per molto tempo mi era sembrata una sconosciuta. Non avevo capito che si era innamorata”. 


Rita M., invece, si era accorta dell’omosessualità di Antonio. “Dentro di me lo sapevo”. La sensazione materna ha dovuto scontrarsi con lo scalpore del marito. “Al padre di Antonio la sessualità del figlio ha creato molti problemi. Abbiamo discusso molto. Per me era inconcepibile il suo tabù, non palesato con le figlie”. “Senza mia madre, racconta Antonio, mio padre non sarebbe mai cresciuto. Da parte sua non c’era disponibilità al dialogo”. Un confronto iniziato prima che il ragazzo perdesse la verginità. “Ho fatto in modo che la mia famiglia scoprisse la mia omosessualità prima delle frequentazioni importanti”. 

Un sentimento che ha vissuto anche Francesco che conclude spiegando: “Il coming out con mia madre mi ha aiutato ad essere la persona che sono oggi. Trent’anni dopo il confronto con la mia famiglia posso dire di vivere un presente onesto”. Il rispetto verso gli altri non si misura solo dalle buone maniere. (26 aprile 2012)"

sabato 21 aprile 2012

APPUNTAMENTO

In un momento storico in cui l'ignoranza e l'omofobia cercano sempre di avere l'ultima parola abbiamo pensato che poteva essere interessante passare una serata parlando di arte e omosessualità, per capire meglio cos'è l'arte a tematica gay, l'arte omoerotica e la gay art. Una tendenza artistica di cui in Italia si parla molto poco, ma che che in passato è stata profondomante legata alla storia e alla cultura del nostro paese, e che oggi è ancora estremamente vivace in diverse parti del mondo.
L'appuntamento è per martedì 24 aprile alle 21.00 presso SPAZIO4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.

martedì 3 aprile 2012

SONDAGGIO!

Nell’UE, a parte qualche sporadica notizia riguardante episodi di discriminazione di cui sono vittime persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT), sono stati raccolti pochissimi dati comparabili relativi alle esperienze quotidiane di discriminazione subite dalle persone LGBT. In base ai risultati del sondaggio, i decision makers a livello nazionale ed europeo, nonché le organizzazioni non governative o della società civile, saranno in grado di orientare meglio le loro strategie ed attività di promozione e sostegno delle comunità LGBT volte alla creazione di un ambiente libero dalle discriminazioni, in cui si possa vivere ed esprimersi liberamente. Al fine di dare il giusto peso ai risultati, l’indagine conta sulla partecipazione di un ampio e diversificato gruppo di persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender in ogni paese coinvolto. Questo è il primo sforzo profuso a livello UE per raccogliere le esperienze delle persone LGBT nell’ambito del sondaggio più ampio mai svolto in questo settore – fai in modo che anche la tua esperienza conti!

Si tratta di un sondaggio ANONIMO e ti invitiamo a compilarlo per dare modo al Parlamento Europeo di avere un'idea più precisa di come viviamo nel nostro paese. Per iniziare a compilarlo clicca sul banner qui sotto!

martedì 27 marzo 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e ciao a tutte...
Il nostro secondo appuntamento con il laboratorio esperienziale è fissato per giovedì 29 marzo alle ore 21.00 presso SPAZIO 4 in Via Manzoni 21 a Piacenza.
A presto!

RASSEGNA STAMPA

Ciao a tutti e a tutte.
A seguito della recente sentenza della Corte di Cassazione, che dal punto di vista giuridico parifica le coppie di omosessuali conviventi alle coppie di eterosessuali sposati, alcuni nomi noti della politica locale (e non solo) hanno voluto dire la loro pubblicado degli interventi sul quotidiano LIBERTÁ, che potete leggere qui di seguito cliccando con il tasto destro del mouse e selezionando "apri in una nuova finestra".
Ovviamente ci siamo sentiti in dovere di ribattere e di chiarire meglio le cose, anche perchè il pubblico meno addentro a certe cose avrebbe potuto fraintendere quello che è successo e prendere per buone queste analisi, che non ci sentiamo di condividere. Il nostro intervento è stato puntualmente pubblicato e per quanti se lo fossero perso è possibile leggerlo qui sotto.
É sempre meglio chiarire le cose.
Alla prossima.

martedì 20 marzo 2012

APPUNTAMENTO


Ciao a tutti e ciao a tutte!
Pensate che omosessuale e gay siano sinonimi? Se lo pensate, nonostante le apparenze, siete in ERRORE e vi invitiamo al nostro primo laboratorio di confronto esperienziale, per mettere a fuoco tanti concetti importanti che spesso si danno per scontati. Un'occasione in più per capire e per capirsi fuori dagli schemi, spesso sbagliati, che ci vengono proposti e che facciamo nostri con troppa leggerezza. Il primo appuntamento è fissato per giovedì 22 marzo, alle ore 21.00 presso SPAZIO4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.

domenica 11 marzo 2012

APPUNTAMENTO

Arcigay L.’A.T.OMO di Piacenza presenta: “OMOSESSUALITÀ E REPRESSIONE”

Un documento di RAISTORIA in streaming per conoscere la vera storia segreta del rapporto fra omosessuali e omofobia istituzionalizzata fra la fine della Seconda Guerra Mondiale e la fine degli anni ‘70. Tre decenni che da sempre sono poco analizzati dal punto di vista gay, ma che sono determinanti per capire la situazione in cui ancora oggi ci troviamo, in una nazione che non tollera la legittimazione della condizione LGBT. Ovviamente al termine del documentario terremo un mini dibattito per approfondire l'argomento e aprire un confronto.

L’appuntamento è alle ore 21.00 di martedì 13 marzo presso SPAZIO 4 in Via Manzoni 21 a Piacenza

Perchè con L’.A.T.OMO gay vuol dire cultura!

domenica 26 febbraio 2012

APPUNTAMENTO

Ciao a tutti e ciao a tutte.
Dopo l'intermezzo di San Valentino riprendiamo il filo dei nostri appuntamenti per parlare di come i cantanti gay dichiarati di tutto il mondo raccontano la loro realtà attraverso brani e melodie che, purtroppo, il più delle volte non arrivano mai in Italia. Questo secondo appuntamento, in particolare, sarà dedicato ai cantanti gay dichiarati che si sono fatti conoscere nel nuovo millennio, e che stanno contribuendo a dare forma ad un nuovo concetto di queer music, lontanissimo dagli stereotipi che - sfortunatamente - tengono ancora banco nel nostro paese. Non potete mancare!
L'appuntamento è per martedì 28 febbraio alle ore 21.00 presso SPAZIO4 (in Via Manzoni 21 a Piacenza).

lunedì 13 febbraio 2012

RASSEGNA STAMPA

Ciao a tutti e ciao a tutte.
Una cosa buona della nostra associazione è che, quando un giornalista non sa chi chiamare per scrivere certi tipi di articoli, può chiamare noi e lo mettiamo in contatto con le persone giuste. Per esempio: Elisa Malacalza del quotidiano LIBERTÀ voleva dare spazio alla situazione delle coppie di fatto a Piacenza, alla normative in vigore, ecc. Ci ha chiamato e l'abbiamo messa in contatto con due coppie gay di lungo corso che l'hanno erudita al riguardo e le hanno fatto scrivere un articolo molto interessante, visto che spiega che anche a Piacenza le coppie conviventi possono iscriversi come persone unite da vincoli affettivi presso l'ufficio dell'anagrafe. Per leggere l'articolo che è uscito oggi (e le interviste) cliccate sulle immagini seguenti col tasto sinistro del mouse e quando compare la gallery selezionate "visualizza immagine" col tasto destro del mouse.
Buon San Valentino!

domenica 12 febbraio 2012

EVENTO

STANCHI DEL SOLITO SAN VALENTINO?
In occasione di San Valentino Arcigay L.'A.T.OMO. propone una serata diversa, per riflettere sull'amore sacro e profano assieme al grande Oscar Wilde. Con la famosa lettera portata a Sanremo da Roberto Benigni e con il dramma proibito di Oscar Wilde: L'ULTIMA SALOMÉ, nella versione di Ken Russell.
Perchè con L.'A.T.OMO. la cultura è di casa... Anche a San Valentino!
L'appuntamento è per le ore 21.00 di martedì 14 febbraio presso SPAZIO4, in Via Manzoni 21 a Piacenza.
Non mancate!

venerdì 3 febbraio 2012

ULTIMISSIMA ORA

Ciao a tutti e a tutte.
Dopo il nostro comunicato stampa si sono fatti vivi anche gli ultimi due candidati alle primarie del centro sinistra, le cui risposte ripostiamo qui di seguito:

Cari amici di Arcigay Piacenza L.A.T.OMO., mi accorgo solo ora, grazie alla tardiva segnalazione del socio di Cittàcomune che gestisce la mailinglist, di non aver risposto a questa vostra di due settimane fa, che purtroppo non ho ricevuto sulla mia mail personale. Come già sapete ho appoggiato e votato con convinzione, essendo consigliere comunale, la mozione allegata, che ribadisco di condivedere in tutti i punti del dispositivo, che vanno tradotti in iniziativa concreta. Faccio un po' fatica, per la verità, a vestire i panni di colui che se sarà sindaco...
Insomma per formazione e cultura, per quel che è stata la mia vita, mi pare così naturale rifiutare ogni forma di identità di genere e avversare le manfestazioni di omofobia, che ribadirlo in una circostanza elettorale mi imbarazza persino un poco. Credo ci sarà molto da fare, per voi e per chiunque abbia incarichi pubblici nei prossimi anni, per affermare l'irrriducibile unicità di tutti, e che proprio lì sta la ricchezza di ciascuno. Insomma, un affettuoso augurio di buon lavoro reciproco.
Gianni D'Amo

Credo che la lotte contro ogni forma di omofobia e di discriminazione nei confronti dell'omosessualità debba essere alla base dell'operato di ogni governo e di ogni amministrazione pubblica perchè è alla base dei più elementari diritti civili. Il Comune deve impegnarsi attivamente nella lotta contro la cultura dell'intolleranza e dell'omofobia in ogni modo possibile, coinvolgendo le associazioni e promuovendo ogni iniziativa utile alla cultura della tolleranza (che è cultura della democrazia).
Marco Mazzoli
Ringraziamo anche gli ultimi due candidati per la loro risposta e auguriamo a tutti buona fortuna.