NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

sabato 5 aprile 2008

I VIDEO DI OGGI

Per par condicio ecco a voi gli spot e/o inni dei partiti con candidati premier di destra e sinistra. Per chi ancora non le conoscesse c'è anche un breve riassunto delle loro posizioni nei confronti della questione dei diritti delle persone omosessuali.

Il Partito Democratico si impegna a sostenere i diritti della persona che convive stabilmente, promuovendo il riconoscimento giuridico dei diritti, prerogative e facoltà delle persone stabilmente conviventi, indipendentemente dal loro orientamento sessuale.
Tutto e niente, visto che non dice come e quanto.


Nel programma del Partito della Libertà non si fa riferimento a problematiche relative agli omosessuali o alle coppie che scelgono di convivere senza sposarsi.
Nessuna sorpresa.


La Sinistra Arcobaleno afferma l’uguaglianza sostanziale dei diritti delle persone omosessuali e propone il riconoscimento pubblico delle unioni civili, ritenendo che ognuna e ognuno abbia il diritto di decidere del proprio corpo e della propria vita. E propone una norma che persegua tutte le forme di discriminazione basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.
Interessante, ma da verificare sul campo.


La Destra afferma la necessità di tutelare la famiglia tradizionale: consapevoli della necessità di regolamentare i rapporti di Diritto privato che scaturiscono dalle diverse forme di unione di fatto, vogliamo ribadire la nostra ferma opposizione a formule tipo DICO e PACS, che investono il Diritto pubblico oltre alle finanze dello Stato.
Un ottimo modo per discriminare ulteriormente i gay con un reddito basso.


L'Unione di Centro non considera minimamente le istanze della comunità omosessuale.
Perlomeno non si può dire che manchi di coerenza.


Il Partito Socialista è consapevole del cambiamento avvenuto nel concetto di famiglia e dell’aumento di single e coppie di fatto. Per questo ritiene che la politica non può ignorare queste nuove realtà e deve riconoscere pari dignità giuridica a tutte le cittadine e a tutti i cittadini. I diritti delle coppie composte da persone dello stesso sesso devono essere garantiti, bisogna approvare efficaci norme antidiscriminatorie e antiomofobia e permettere alle persone transessuali di ottenere la rettifica del sesso con regole meno restrittive, in sintonia con la legislazione europea. Occorre regolamentare le unioni civili riconoscendo alle coppie stabili di poter formalizzare il proprio rapporto con un contratto che abbia natura personale e patrimoniale, con effetti anche rispetto ai terzi. In questo contesto si deve riconoscere alle coppie formate da persone dello stesso sesso un rafforzamento di questo istituto.
Molto bello, ma tanto utopistico.


La Sinistra Critica è assolutamente a favore dei diritti omosessuali, ma metterebbe volentieri in esilio chi non la pensa come lei.
Notevole, ma un po' drastico.


Forza Nuova è contro la legittimazione dell'omosessualità in sè, per una questione di principio e per tutta una serie di ragioni storiche abbastanza ovvie, e ovviamente non agirebbe mai a favore di gay e lesbiche.
Contenti loro.


E chiudiamo in bellezza con la lista di Giuliano Ferrara, che considera l'idea di legiferare a favore dei gay una cosa ridicola, ma in compenso non trova ridicolo impedire l'aborto a una ragazza stuprata o a una madre che attende un bambino malformato.
A ognuno il suo.


Certo è che se si dovesse giudicare la serietà della nostra classe politica attraverso questi video l'impressione complessiva sarebbe un tantino avvilente.

2 commenti:

Cat ha detto...

E un "tantino" è un eufemismo... Cat p.s.: complimenti per il blog, vi seguo sempre

Wally Rainbow ha detto...

Ma dai! Allora abbiamo un sostenitore segreto :-) Se stai nei paraggi vienici a trovare :-)