NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

martedì 25 marzo 2008

I VIDEO DELLA SETTIMANA

Ad aprile gli italiani saranno chiamati a votare per rinnovare il parlamento, e questo si sa. Alcuni italiani, però, dovranno votare per rinnovare la propria amministrazione comunale. Nella fattispecie gli abitanti del comune di Roma, che nonostante tutto resta la capitale italiana, dovranno eleggere il loro nuovo sindaco. Anche se la notizia non è stata granchè pubblicizzata, fra i candidati alla carica di sindaco di Roma c'è anche Franco Grillini, presidente onorario di arcigay, che da quando è stato eletto in parlamento (quando ancora erano i cittadini a votare i propri rappresentanti) ha sempre portato avanti la causa GLBT. Un sindaco gay forse non è proprio una novità in Italia (a partire da Rosario Crocetta sindaco di Gela, cittadina non certo facile da amministrare, che però ha dichiarato da tempo la sua omosessualità senza problemi). Ciò che forse lascerebbe perplesso l'italiano medio sarebbe l'idea di avere un sindaco gay dichiarato per la capitale della propria nazione. Eppure non sarebbe certo il primo caso in Europa. Il sindaco di Berlino è gay dichiarato e anche il sindaco di Parigi. A beneficio di quanti non li hanno mai visti ecco qui di seguito due video: uno per Klaus Wowereit sindaco di Berlino (che interviene sul festival del cinema della sua città) e uno per Bertrand Delanoë sindaco riconfermato di Parigi (che in questo video è in piena campagna elettorale e sembra non digerire molto l'attuale presidente della repubblica francese). Due attempati e distinti signori che fanno bene il loro lavoro e che da soli bastano a fare sfigurare la maggior parte dei politici italiani che siamo costretti a sorbirci quotidianamente.
P.S. Per chi non sapesse il francese faccio notare che fra i punti forti della campagna di Bertrand Delanoë c'erano la cultura e la laicità, e che fra i suoi sostenitori c'erano genetisti, artisti e il fior fiore della scena culturale francese...Fate un po' voi i dovuti confronti.

Nessun commento: